Blog | Privacy |
in tw

News
Sabato 13 Febbraio 2021
Muore il fisico Ugo Fano, l’ultimo "ragazzo di via Panisperna”

Il 13 febbraio 2001 muore a Chicago (Illinois, Usa) il celebre fisico Ugo Fano, professore emerito dell’Università di Chicago, soffriva di Alzheimer ed è anche l'ultimo "ragazzo di via Panisperna" (ragazzi di via Panisperna è il nome colloquiale con cui è noto il gruppo di fisici italiani quasi tutti giovanissimi, con a capo Enrico Fermi, che negli anni trenta del Novecento opera presso il Regio istituto di fisica dell'Università di Roma, allora ubicato in via Panisperna n. 90) . Fano nasce il 28 luglio 1912 a Torino, di famiglia ebrea, emigra negli Usa nel 1939, su consiglio di Enrico Fermi, per sottrarsi alle persecuzioni razziali del fascismo. Insieme al suo maestro, Fano contribuisce in modo determinante allo sviluppo della fisica atomica. Le sue ricerche sulla fisica molecolare sono dei veri e propri punti di riferimento, tanto che alcuni termini prendono il nome dallo scienziato italiano: “Beutler-Fano profile”, “Fano-Lichten Mechanism”, “Effetto Fano” e “Fattore Fano”. Fermi lo chiama a collaborare a Roma, poi si trasferisce a Lipsia (Germania), entrando a far parte del gruppo del premio Nobel Werner Heisenberg. Rientrato in Italia per i problemi razziali, torna in via Panisperna dove si riunisce il gruppo di studiosi che fa riferimento a Fermi. Nel 1945 gli è assegnata la cittadinanza americana. Fano si distingue anche per la scoperta di applicazioni pratiche della dinamica degli atomi e delle molecole; suoi gli studi fondamentali nello sviluppo dei raggi laser, così come portano il suo nome le ricerche sui quanti meccanici nei raggi laser ultracorti.

© 1987–2013 Agenzia Calendario | Partita IVA 09085210152 | Contatti
Powered by Energia Web | Hosting by Jonata Ltd