Blog | Privacy |
in tw

News
Mercoledì 01 Luglio 2020
Muore l'attore e regista Walter Matthau, vince l'Oscar nel 1967

L'1 luglio 2000 muore a Santa Monica (California, Usa) l'attore e regista Walter Matthau.  Walter Matuschanskavasky, questo il suo vero nome, nasce l'1 ottobre 1920 a New York (New York, Usa).Esordisce in piccole parti teatrali  e nel dopoguerra si ritaglia uno spazio a Broadway. Dal 1950, la sua carriera in ascesa costante si divide fra grande schermo e palcoscenico. Le prime interpretazioni a Hollywood (California, Usa) lo confinano in ruoli aspri e poco simpatici, come "Il Kentuckiano" di Burt Lancaster, oppure "Un volto nella folla", diretto da Elia Kazan. Nel 1960 interpreta e dirige "Gangster Story". A teatro, invece, si fa notare per alcune interpretazioni da uomo cinico e perfido. Recita in "Uno, due, tre" (1961) e in "Non per soldi…ma per denaro" (1966 vincitore dell'Oscar), entrambi diretti a Billie Wilder. Da allora comincia il sodalizio professionale con un'altra star: Jack Lemmon. Il loro primo film è "Prima pagina" (1974). Matthau interpreta il ruolo dell'avventuriero in "Chi ucciderà Charlie Warrick?" (1973), il ruolo di protagonista in "Pirati", di Roman Polanski (1985), il ruolo del finto prete in "Lo strizzacervelli" (1988). Tra le sue ultime interpretazioni "Il piccolo diavolo" (1988) con Roberto Benigni nell'indimenticabile personaggio di Maurice; "JFK - Un caso ancora aperto" (1991), e, a fianco di Lemmon, in "Due irresistibili brontoloni" (1993), "That's Amore - Due improbabili seduttori" ed infine in "La strana coppia II".

© 1987–2013 Agenzia Calendario | Partita IVA 09085210152 | Contatti
Powered by Energia Web | Hosting by Jonata Ltd