Blog | Privacy |
in tw

News
Lunedì 22 Giugno 2020
Nasce l'alpinista Walter Bonatti, il re delle Alpi e del K2

Il 22 giugno 1930 nasce a Bergamo l'alpinista Walter Bonatti. Soprannominato "il re delle Alpi", la sua prima impresa è la conquista del Grand Capucin, parete est (1951). In seguito viene la cresta del Furggen sul Cervino (la prima invernale) e l'amara esperienza del K2. Con lo sherpa Mahdi, rischiando la vita in una notte intera passata senza alcun riparo a oltre 8000 metri, riesce a portare le bombole d'ossigeno che permettono a Lacedelli e Compagnoni di lasciare l'ultimo campo e raggiungere per primi la seconda vetta più alta del mondo: 8611 metri. Negli anni successivi conquista ancora vette leggendarie come il Petit Dru (Pilier sud-ovest, prima invernale), il Pilier d'Angle sperone nord-est (nel gruppo del Monte Bianco) e il Gasherbrum IV. In un drammatico tentativo di conquistare il Pilone centrale del Freney (Monte Bianco) viene investito da una bufera: sopravvive salvandosi con due compagni, mentre altri quattro trovano la morte. Per le sue imprese riceve una medaglia d'oro, una d'argento e una di bronzo al valor civile; in Francia viene insignito della Legion d'onore e negli Stati Uniti riceve il premio "Il gigante dell'avventura". Bonatti è inviato di "Epoca", Nel 2008 il Club Alpino Italiano e la Società Geografica Italiana riconoscono ufficialmente il ruolo fondamentale di Bonatti nella conquista del K2 e la correttezza della sua ricostruzione, come documentato già nel 1994 quando il dottore australiano Robert Marshall rintraccia la prima foto scattata in vetta al K2, pubblicata sull'annuario svizzero "Berge der Welt" del 1955. Tale foto mostra che le maschere dell'ossigeno erano state utilizzate fino in vetta, e l'ossigeno non era finito a quota 8.400 come sostenevano le versioni ufficiali. Bonatti muore il 18 settembre 2011 a Roma

© 1987–2013 Agenzia Calendario | Partita IVA 09085210152 | Contatti
Powered by Energia Web | Hosting by Jonata Ltd