Blog | Privacy |
in tw

News
Mercoledì 10 Giugno 2020
Stendhal fa il suo ingresso in città

Il 10 giugno 1800 il 17enne francese Henry Beyle (conosciuto come scrittore con lo pseudonimo di Stendhal) entra in Milano al seguito dell'esercito napoleonico, di cui è sottotenente dei Dragoni. Amante dell'arte e appassionato dell'Italia, dove vive a lungo soprattutto a Milano, esordisce in letteratura nel 1815 con le biografie su Haydn, Mozart e Metastasio, seguite nel 1817 da una "Storia della pittura in Italia" e dal libro di ricordi e d'impressioni "Roma, Napoli, Firenze". Quest'ultimo fu firmato per la prima volta con lo pseudonimo di Stendhal, nome forse ispirato alla città tedesca di Stendal, dove nacque l'ammirato storico e critico d'arte Johann Joachim Winckelmann.I suoi romanzi di formazione "Il rosso e il nero" (1830), "La Certosa di Parma" (1839) e l'incompiuto "Lucien Leuwen", scritti in una prosa essenziale che ricerca la verità psicologica dei personaggi, fanno di Stendhal, con Balzac, Dumas, Hugo, Flaubert, Maupassant e Zola, uno dei maggiori rappresentanti del romanzo francese del XIX secolo: i suoi protagonisti sono giovani romantici che aspirano alla realizzazione di sé attraverso il desiderio della gloria e l'espansione di sentimenti appassionati.

© 1987–2013 Agenzia Calendario | Partita IVA 09085210152 | Contatti
Powered by Energia Web | Hosting by Jonata Ltd