Blog | Privacy |
in tw

News
Domenica 01 Marzo 2020
I protestanti europei incominciano a usare il calendario gregoriano

L'1 marzo 1700 i protestanti di Germania, Olanda, Danimarca e Norvegia e dell'Europa occidentale introducono il calendario gregoriano. Infatti i protestanti, pur riconoscendo l'opportunità scientifica del provvedimento di Papa Gregorio XIII - che nei paesi cattolici entra in vigore il 15 ottobre 1582 - non accettano che essa venga imposta con un ordine papale; però il 22 agosto 1610 la Prussia rompe il loro fronte adeguandosi alla riforma; gli altri Stati protestanti continentali attendono un secolo e l’1 marzo 1700 si allineano, seguite il 3 settembre 1752 da Gran Bretagna e dalla Svezia l’1 marzo 1753. I paesi più resistenti restano quelli ortodossi. La Russia attende sino al 1918, quando il governo comunista decide di passare al calendario gregoriano; una conseguenza di questo ritardo è che la cosiddetta "rivoluzione d'ottobre" in pratica si svolge nel nostro mese gregoriano di novembre. Altri paesi ortodossi (tra cui Jugoslavia e Romania) seguono la Russia nel 1919; l'ultima ad adeguarsi è la Grecia, che adotta il nuovo calendario solo nel 1928, ma con alcune riserve circa la data della Pasqua.

© 1987–2013 Agenzia Calendario | Partita IVA 09085210152 | Contatti
Powered by Energia Web | Hosting by Jonata Ltd