Blog | Privacy |
in tw

News
Sabato 27 Maggio 2017
Nuove tecnologie per il tumore della prostata

Il tumore della prostata è una delle più diffuse tra gli uomini, soprattutto in fuunzione della loro alimetazione e della ridotta prevenzione con accertamenti annuali anche con la flussometria. Le nuove tecnologie per la cura del tumore della prostata sono stati discussi oggi a Ancona per iniizativa dell'IRCCS INRCA Istituto Nazionale Riposo e Cura Anziani con il patrocinio dell'Ordine dei Medici della provincia di Ancona. Il congresso ha affontato le innovazioni nella diagnosi e terapia chirurgica mini-invasiva su malattie come l’Ipertrofia prostatica benigna e il carcinoma alla prostata. Riguardo l’Ipertrofia si parlerà di terapia precoce e dell’uso del nuovo Laser a Tullio a scopo disostruttivo, anche per prostate voluminose. Sul carcinoma, che nell’uomo è il secondo tumore maligno dopo quello del polmone,sono state illustrate nuove modalità di diagnosi come risonanza magnetica nucleare multiplanare e biopsia ‘fusion’, oltre che terapie innovative tra cui gli ultrasuoni ad alta intensità Hifu, tecnologie recentemente acquisite dall’Inrca.  ‘La biopsia fusion – ha spiegato Tiziana Pierageli, responsabile Unità di Prevenzione dei tumori prostatici Inrca - è più precisa e permette, con un minore numero di prelievi bioptici, una maggiore accuratezza diagnostica nonché una mappatura preziosa per eventuali trattamenti a ultrasuoni’. ‘Le recenti novità tecnologiche in campo urologico – ha riferito Marco Dellabella, direttore Unità di Urologia - hanno determinato un notevole miglioramento diagnostico-terapeutico rispetto alle metodiche ‘tradizionali’, mantenendo la stessa efficacia terapeutica, con personalizzazione del trattamento più adeguato al singolo caso e un miglioramento della qualità di vita dei pazienti’.

© 1987–2013 Agenzia Calendario | Partita IVA 09085210152 | Contatti
Powered by Energia Web | Hosting by Jonata Ltd