Blog | Privacy |
in tw

News
Venerdì 29 Agosto 2014
Emergenza sbarchi: superata quota 100 mila. Le richieste di asilo aumentano maggiormente che nel resto di Europa.

I mesi estivi si confermano i più “caldi” per quanto riguarda gli sbarchi di migranti sulle coste italiane, ma questa volta il picco stagionale si aggiunge ad un andamento annuale già nettamente superiore alla media. La Fondazione Leone Moressa, analizzando i dati del Ministero dell’Interno, ha fotografato la situazione emergenziale dell’accoglienza in Italia: nei soli mesi di giugno e luglio si sono registrati 46.000 sbarchi (in tutto il 2013 erano stati 43.000). E da inizio anno, secondo l’UNHCR, si è già superata quota 100.000. Nel mese di Luglio oltre 21 mila migranti sbarcati provenivano dalla Libia. Tra i paesi di provenienza seguono l’Egitto, con 2.521 migranti sbarcati e, in misura marginale, Turchia, Grecia e Tunisia. Per quanto riguarda le regioni di approdo, la Sicilia rimane la meta principale (97.000 sbarchi negli ultimi 12 mesi), ma anche Puglia, Calabria e Campania hanno ricevuto alcune migliaia di migranti. La ripartizione dei migranti sul territorio nazionale (centri di accoglienza e SPRAR), non è omogenea. Ad esempio, in Sicilia sono presenti quasi 15.000 migranti (quasi un terzo del totale), circa tre volte quelli previsti in proporzione alla popolazione residente. Quasi 7.000 migranti sono accolti nel Lazio, mentre Puglia e Calabria accolgono rispettivamente 5.800 e 4.200 migranti. Fra le prime cinque regioni anche la Lombardia (che in base alla proporzione con la popolazione residente dovrebbe essere la prima regione di accoglienza) con 3.700 accolti. Con oltre 26.000 richieste di asilo, nel 2013 l’Italia si colloca al quinto posto fra i paesi UE, registrando il 6,1% delle richieste complessive europee. Nel primo trimestre 2014 le richieste di asilo nell’area UE sono 108.510, in aumento del 23,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’Italia registra 10.700 richieste, più del doppio rispetto all’anno precedente, collocandosi al quarto posto dietro Germania, Francia e Svezia.Confrontando il 4° trimestre 2013 con il 1° 2014, l’Italia registra l’aumento più consistente di tutta l’area UE, con quasi 2 mila richieste in più (+21,8%). I primi tre paesi, invece, nello stesso periodo fanno registrare una diminuzione, così come la media europea (-12,0%).

 

© 1987–2013 Agenzia Calendario | Partita IVA 09085210152 | Contatti
Powered by Energia Web | Hosting by Jonata Ltd