Blog | Privacy |
in tw

News
Giovedì 13 Marzo 2014
Papa Francesco: oggi primo anno di pontificato

Oggi ricorre il primo anniversario dell'elezione del Santo Padre Francesco alla Cattedra di Pietro: 365 giorni di Pontificato la cui caratteristica è essere stato un "tempo di misericordia". In questi dodici mesi di intenso lavoro, il Papa "venuto dalla fine del mondo", che sempre chiede che si preghi per lui, ha dato inizio ad un nuovo metodo di lavoro che lentamente ma decisamente ha richiamato rinnovata attenzione a questioni non esclusivamente ecclesiali. Il "parroco del mondo", come lo ha definito il suo segretario particolare, Monsignor Alfred Xuereb "non perde un solo minuto! Lavora instancabilmente. E quando sente il bisogno di prendere un momento di pausa, non è che chiude gli occhi e non fa niente: si mette seduto e prega il Rosario". In occasione del primo anniversario di Pontificato, il Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Padre Federico Lombardi, S.I., in un'intervista a Radio Vaticana, ha sottolineato quanto il Santo Padre abbia dato in questo anno "grande impulso per una Chiesa in cammino". "La cosa principale di questo primo anno è certamente la grande attenzione, la grande attrazione della gente - dico la gente, per dire non solo i cattolici praticanti, ma tutte le persone di questo mondo - la grande attenzione per questo Papa, per il suo messaggio. È qualcosa che penso e spero sia radicato molto profondamente nel cuore delle persone, che si sono sentite toccate da una parola di amore, di attenzione, di misericordia, di vicinanza, di prossimità, in cui attraverso l'uomo, il Papa, è l'amore di Dio che arriva". "La Chiesa mi appare veramente come un popolo in cammino. Questa è la cosa più caratteristica: un senso di grande dinamismo. Il Papa ha dato un grande impulso e cammina con una Chiesa che cerca la volontà di Dio, che cerca la sua missione nel mondo di oggi per il bene di tutti, andando veramente verso le periferie, verso i confini del mondo". Il Papa "è riuscito a far capire che l'interesse di Dio (...) è per tutte le sue creature (...). È riuscito a darne un senso molto forte e tantissime persone lo hanno capito. Manifestazioni di attenzione, quindi, che vengono da sedi, da organi di stampa non abituali, significano che il suo messaggio è arrivato". (da VIS_12032014)

© 1987–2013 Agenzia Calendario | Partita IVA 09085210152 | Contatti
Powered by Energia Web | Hosting by Jonata Ltd